logo-Brugge-Foundation

Il Beghinaggio

Kies uw taal | Choisissez votre langue | Choose your language | Scegliete la vostra lingua

LA BEGHINA... UNA DONNA RIVOLUZIONARIA E AUDACE

Il XII secolo è un secolo di rinascita religiosaEmergono diverse idee e movimenti religiosi nuovi, anche dissidenti forse come nota critica nei confronti del clero dell'epoca. Dopotutto, questi non si comportavano sempre in modo pio e cercavano molto la ricchezza.

A partire dalla fine del XII secolo, le donne nubili e celibi o le vedove cercarono un luogo sicuro in cui vivere vicino a una città. Queste donne pie cercano una vita semplice di preghiera e lavoro e sono conosciute come mulieres religiosae o beghine. Le prime beghine si spinsero talvolta molto in là nella ricerca spirituale e nelle idee mistiche, influenzate dai grandi pensatori cristiani. Un'importante ispiratrice è Marie d'Oignies (1177-1213), nota mistica e forse “beghina”. Troviamo la parola “beghina” per la prima volta intorno al 1220 in un testo di un monaco cistercense.

Le beghine non sono monache, non perdono affatto la loro indipendenza economica e possono tornare alla loro vita precedente in qualsiasi momento. Grazie al loro impegno nel mercato del lavoro, soprattutto nell'industria tessile, ma anche nell'assistenza ai malati e agli orfani e ai beni personali che portano con sé, le beghine sono finanziariamente indipendenti. Nel corso dei secoli, hanno costruito un patrimonio non indifferente.

Il beghinaggio è una comunità altamente strutturata, guidata da una padrona principale o, a Bruges, Grand Dama. È assistita da sei padrone e quattro consigliere. A un certo numero di beghine sono stati assegnati compiti specifici. Le beghine vivono attivamente la loro fede in una comunità di donne

Cercano un equilibrio tra vita spirituale e vita attiva. Oltre al lavoro, una rigida regola di vita determina l'ordine della giornata e i momenti spirituali: la sera, dopo la “compieta”, si fa un silenzio generale fino al “mattutino”.

Nel beghinaggio di Bruges, a partire dal XV secolo, l'enfasi divenne sempre più sulla stretta osservanza religiosa e sull'ufficio corale, a scapito dei loro compiti attivi. Già nel XIII secolo le beghine avevano istituito una schola cantorum, le allieve animavano le funzioni religiose con il canto corale. Le lezioni si svolgevano in conventicole all'interno e all'esterno del beghinaggio. Questa schola cantorum era anche una scuola di formazione per le nuove beghine. I loro canti erano raccolti in graduali, alcuni dei quali sono ancora conservati.

Le beghine, il loro stile di vita e la loro giurisdizione venivano viste con sospetto dalla comunità, perché emanano una grande indipendenza. Di conseguenza, caddero rapidamente sotto il controllo delle autorità religiose e secolari. Eppure si può parlare di un movimento di emancipazione.

Pianta della città di Bruges e dintorni, Marcus Gerards, 1562 © Archivio della città di Bruges

LO SAPEVI CHE?

  • ntorno al 1225 compaiono in città le prime beghine. Ben presto si riuniscono in beghinaggi.
  • I rapporti tra le beghine e le autorità ecclesiastiche furono talvolta molto tumultuosi. Nel 1312, Papa Clemente V vietò il movimento delle beghine. Il clero locale si schierò a favore delle beghine, ma chiese una maggiore supervisione del loro commercio e della loro condotta, cosa che fece nominando dei commissari.
  • Tra il 1240 e il 1565, nelle Fiandre si contano 298 beghinaggi. In questo periodo, a Bruges si contano circa otto beghinaggi in vari punti della città. Questo beghinaggio è l'unico rimasto.

UN INSIEME ARCHITETTONICO ECCEZIONALE

Un luogo chiuso e sicuro

Il Beghinaggio di Bruges è eretto al di fuori dei primi bastioni della città. Fin dall'inizio, la città era quasi interamente cinta da mura o delimitata da reticoli. Il territorio era originariamente più vasto di oggi (circa 6 ettari). Comprendeva anche parti del Wijngaardplein e dei suoi dintorni (l'attuale Minnewater Park). Alla fine del XIII secolo, i pascoli imbiancati corrono fino al secondo bastione.

Unità e semplicità di stile

Le beghine hanno case proprie o vivono insieme in conventi e infermerie. Questa organizzazione determina molto l'immagine che vediamo oggi: un cortile aperto adiacente alla chiesa circondato da case spaziose e dipinte di bianco della fine del XVI, XVII e XVIII secolo. Alcune presentano tracce di edifici ancora più antichi e/o un giardino anteriore murato.

La chiesa del beghinaggio, le cui tracce più antiche risalgono al 1245, è stata restaurata dopo l'incendio del 1584.

Gli arredi interni risalgono principalmente al XVII e XVIII secolo.

Il cancello principale, risalente al 1776, collega al Ponte della Vigna. Nella nicchia si trova la statua di Santa Elisabetta d'Ungheria, patrona del beghinaggio di Bruges. Quando, intorno al 1890, la Clinica del Minnewater fu fondata su un terreno appartenente al beghinaggio, l'architetto Louis Delacenserie costruì dei muri e ristrutturò la seconda porta d'ingresso all'altezza della casa delle chiuse. Nel 1937, alcune case adiacenti alla casa della padrona di corte furono trasformate e ampliate per diventare un convento.

Unicità urbana

I beghinaggi sono entità urbanistiche importanti nel tessuto urbano. Formano un insieme architettonicamente molto omogeneo con case, chiesa, infermeria e talvolta panificio, fattoria e birreria. Sono chiusi dal “mondo esterno” da muri e canali. Gli edifici residenziali sono disposti lungo una piazza o strade verdi.

Cortile con chiesa del beghinaggio © Brugge Foundation Brugge

LO SAPEVI CHE?

  • Il beghinaggio di Bruges porta il nome di Vigna. Infatti, il terreno su cui è sorto il beghinaggio era noto come “Vinea supra Roiam” (vigna accanto al fiume Reie). Se qui ci siano mai stati vigneti resta una congettura. Oppure la Vinea era semplicemente una zona paludosa più bassa?
  • Sauve Garde, che spicca come iscrizione sopra l'ingresso principale e che si riferisce all'alta protezione fornita dalle contesse di Fiandra, significa che chiunque voglia sfuggire alla giurisdizione delle autorità locali può cercare protezione nel beghinaggio.
  • Nel corso dei secoli, il beghinaggio si è ridotto di dimensioni, soprattutto alla fine del XIX secolo con la costruzione della Clinica Minnewater. Si tratta oggi di un'area di 3,37 ettari, che ancora oggi è completamente murata o delimitata dall'acqua.

UN’OASI DI VERDE UN POSTO PER LA BIODIVERSITA

Diversamente dai giardini dei conventi, il cortile del beghinaggio è accessibile al pubblico durante il giorno. Il beghinaggio è chiuso al mondo esterno tra il tramonto e l'alba. La comunità conventuale e le case hanno un giardino privato, che può essere composto da diverse stanze da giardino: un giardino ornamentale, un orto e/o un giardino dell’edificio.

La connessione tra gli edifici, gli spazi aperti, i muri dei giardini, le piante pregiate e il patrimonio arboreo costituisce un patrimonio paesaggistico unico nel suo genere. La presenza di alberi in questo luogo ha un'origine storica. El cortile centrale è stata alberata a partire dal XVII secolo. Un'antica pavimentazione in ciottoli incornicia la piazza verde centrale con alberi standard: Pioppo canadese (Populus x canadensis), Frassino comune (Fraxinus) e Tiglio (Tilia). Nello strato di erbe sotto gli alberi, in primavera fioriscono narcisi e orchidee selvatiche

In termini di biodiversità, il cortile ha un valore eccezionale per la presenza di queste orchidee selvatiche(orchidea maculata, orchidea notturna di montagna, orchidea maggiolina, orchidea a foglia larga). Alcune specie vegetali sono inserite nell'elenco fiammingo delle piante minacciate di estinzione. Alcune specie sono addirittura protette dalla legge.

Infine, i canali hanno un valore patrimoniale storico perché sono importanti come corsi d'acqua affluenti nel beghinaggio. Hanno svolto un ruolo di confine naturale, ma anche di abbeveraggio del bestiame e di zona di lavaggio. I giardini adiacenti contribuiscono a definirne il carattere di campo di sbiancamento.

L'elleborina comune è una delle specie di orchidee selvatiche presenti nel beghinaggio

LO SAPEVI CHE?

  • La superficie totale dello spazio verde è di circa 2,2 ettari.
  • Il cortile ha sofferto molto nel 1918, quando una bomba lo ha distrutto. La malattia dell'olmo costrinse anche a nuove piantumazioni di pioppi nel 1928.
  • Alcune piante hanno nomi locali simpatici, come “dolci tesorini” (Lonicera japonica), “timide ragazze blu” (Borago officinalis) o “la fortuna della camera da letto” (Soleirolia soleirolii).
  • I gigli di Pasqua nel cortile sono stati piantati come dono nel 1931 dal vivaio di orchidee Frederik Sander & Figlio che ha sede in Sint-Andries.

IL RESTAURO DEL XX SECOLO

Dopo la Rivoluzione francese del 1789, le proprietà del beghinaggio De Wijngaard (Sulla Vigna) furono confiscate e trasferite al Comitato delle case di cura civili (l'attuale CPAS). Le beghine furono autorizzate a rimanere nelle loro case, ma non accettarono nuove novizie. Nel 1803 fu permesso loro di utilizzare nuovamente la chiesa e di indossare nuovamente l'abito nel 1804.

Tuttavia, si rivelò impossibile ripristinare l'antico splendore della Vigna. Nel 1881, il Comitato delle case di cura civili decise di costruire un nuovo ospedale, la Clinica Minnewater, su un'importante porzione del campo di candeggio del beghinaggio.L'architetto Louis Delancenserie (1838-1909) progettò l'edificio in un caratteristico stile neogotico e lo fece costruire tra il 1886-1892 lungo una strada appena tracciata.

Pastoor Hoornaert

Nel 1922, solo cinque beghine vivevano in un edificio fatiscente di De Wijngaard. In quell'anno Rodolphe Hoornaert (1886-1969) viene nominato parroco. Vuole salvare il beghinaggio settecentenario. Inoltre, immettere nuova vita nel beghinaggio.

Con l'obiettivo di raccogliere il maggior numero possibile di fondi e sponsor per il restauro del beghinaggio, Hoornaert organizza un festival di tre giorni nell'agosto del 1925 per celebrare il settecentesimo anniversario della fondazione del beghinaggio, anche se l'anniversario non è correttamente datato.

Nel 1925, tuttavia, Hoornaert si rese conto di non essere riuscito a far rivivere il movimento delle beghine. Fondò quindi una nuova congregazione con il sostegno molto attivo dell'Abbazia di Sant’Andrea. Le Figlie di San Benedetto di Nîmes si fusero con le beghine di Bruges nel 1927 e come nuova congregazione adottarono all'unanimità la Regola di San Benedetto. La Grand Dama Geneviève de Limon Triest (1874-1971) divenne la prima priora e la nuova comunità prese il nome di Figlie della Chiesa. Per preservare la tradizione delle beghine, le suore indossano l'abito. Nonostante le difficoltà di crescita, la nuova congregazione conta numerose vocazioni provenienti da Francia, Irlanda, Scozia e successivamente Svizzera, Ungheria, Norvegia e Paesi Bassi. La conversione dei beghinaggi esistenti in un monastero e la costruzione di un nuovo edificio monastico sono realizzate su progetto degli architetti di Bruges Jos e Luc Viérin. La campagna di costruzione si svolge tra il 1926 e il 1937, in un'architettura locale molto vicina al resto degli edifici del beghinaggio.

100 anni

Oggi, dopo quasi cento anni, il numero di monache nel monastero sta diminuendo e la sopravvivenza della presenza religiosa è di nuovo un punto interrogativo. Le donne sole vivono ancora nelle 30 proprietà che circondano il monastero.

Silenzio, modestia e tranquillità caratterizzano lo spirito del luogo, nonostante l'altissimo numero di visitatori.

Sinds 1972 is de site eigendom van de Stad Brugge. De Stad staat sinds die datum in voor het behoud en beheer van het onroerend patrimonium en zet opeenvolgende restauratiecampagnes op. De zusters krijgen een erfpacht en staan in voor het dagelijkse beheer en de verhuur van de woningen. Die erfpacht liep nog tot 2035, maar is in 2020 overgedragen aan de Stad die nu voor alle facetten van het beheer verantwoordelijk is.

Le quattro ultime suore benedettine del convento De Wijngaard, estate 2021 © Brugge Foundation Brugge

LO SAPEVI CHE?

  • Nel 1940, il beghinaggio contava 30 religiose. Nel 2024, ci sono ancora quattro suore di origine svizzera.
  • Circa 30 donne sole vivono nelle case intorno alla chiesa e al convento
  • Un parroco vive ancora nel beghinaggio.

SITO PATRIMONIALE VALORE STORICO, CULTURALE ED INTANGIBILE

tutelato sette volte

Dal 1939, il Beghinaggio Principesco De Wijngaard è stato tutelato sette volte come paesaggio, monumento e come immagine di città e villaggio, culminando nella doppia tutela del patrimonio mondiale dell'Unesco. (Beghinaggios fiamminghi il 2 dicembre 1998 - Città interna di Bruges il 30 novembre 2000).

COSA RENDE IL BEGUINATO DI BRUGES COSÌ PARTICOLARE?

Il beghinaggio è un sito antico, ben conservato e recintato, con un carattere distintamente urbano in uno stile tipico locale e con un'area edificata storica di convento, case e chiesa. È anche un'eccezionale oasi verde con un biotopo unico.

Il beghinaggio testimonia 800 anni di tradizione come città delle donne. Qui viveva una comunità di beghine: donne indipendenti e religiose che univano la vita attiva alla spiritualità. Ancora oggi questa è una città di donne. Ad eccezione del parroco, oggi qui vivono solo donne. Anche oggi si cerca la cura e la solidarietà reciproca.

Il suo patrimonio religioso e culturale, il suo significato e le sue tradizioni sono un luogo di ispirazione e di significato per pensatori, scrittori, artisti e visitatori.

È un luogo di silenzio eccezionale in questa città vibrante.

MINACCE E SFIDE

Lo ‘spirito del luogo’ è sotto pressione.

L'incertezza sulla continuità della presenza religiosa è reale. Le suore definiscono fortemente il carattere del luogo del silenzio. La loro perdita aumenterà anche la pressione sul “mondo delle donne” come fenomeno socio-culturale

Il turismo eccessivo sta portando a un crescente declino del luogo di silenzio e a danni severi al biotopo verde.

La conservazione del sito come “città delle donne” legale, culturale e sociale con le sue tradizioni, è una sfida per la comunità locale e per i politici.

Sauve Garde

La conservazione del patrimonio e del verde del beghinaggio richiede una cura e un impegno continui da parte del consiglio comunale.

Dopo un'ampia indagine condotta tra gli abitanti di Bruges, i residenti del beghinaggio e vari attori, la città cercherà di custodire con cura anche i valori immateriali del beghinaggio:

  • l'abitare da parte di una comunità di (principalmente) donne
  • l'isolamento con il suo proprio ritmo
  • La cura e la solidarietà delle occupanti
  • l'imprenditorialità e il commercio tessile
  • la religione e la spiritualità, i riti e la musica

Il consiglio comunale intende definire le linee guida per il futuro approccio e lo sviluppo del beghinaggio in un piano regolatore.

Oggi, lo storico slogan SAUVE GARDE simboleggia tutta la cura per un futuro significativo di questo patrimonio mondiale dell'UNESCO.

Begijnhof 1

Begijnhof 1 è una tipica casa di beghine del XVII secolo, trasformata in museo della vita delle beghine nel 1937-1939. Il pittoresco giardino interno, con il pozzo circolare in mattoni, fu costruito all'epoca su progetto dell'architetto Luc Viérin. Al momento in disuso, l'obiettivo della Brugge Foundation è quello di far rivivere questo luogo della memoria.

 

Brugge Foundation

In questo giardino interno, la Brugge Foundation mette in evidenza la storia, il significato e l'eccezionale valore materiale e intangibile di questo beghinaggio.

Con questa mostra, la Brugge Foundation vuole interpretare lo “spirito di questo luogo” nel suo valore materiale e immateriale. Contribuiamo così a un'esperienza più intensa e comprensiva del Beghinaggio.

La Brugge Foundation non solo pensa a un futuro significativo per questo sito, ma vi contribuisce attivamente.

Donazione tramite bonifico bancario

Fai una donazione alla Fondazione Amici di Bruges tramite la Fondazione Re Baldovino.

Stort uw bedrag op rekening BE10 0000 0000 0404 (KBS) met de mededeling +++016/1760/00005+++  of scan de onderstaande QR code rechtstreeks in uw bankapp (niet via uw camera!).

Donazione tramite PayConiq

Preferisci pagare direttamente online? Deposita la tua donazione tramite l'app PayConiq!

Scansiona il codice QR qui sotto tramite l'app PayConiq.

Il pagamento tramite PayConiq funziona anche tramite KBS, hai la certezza di un'elaborazione corretta e sicura.
 

Grazie al tuo sostegno finanziario, la Fondazione Brugge può valorizzare e proteggere ulteriormente il patrimonio di Bruges e dargli un nuovo futuro. Grazie alla Fondazione Friends of Bruges, puoi donare online tramite la Fondazione King Baudouin.

Ogni donazione di almeno 40€ dà diritto ad una riduzione fiscale del 45%.

Segui i passaggi forniti nelle pagine delle donazioni e ottieni il tuo certificato fiscale.